DELLA “BELLA GENTE”

La Bella Gente e` gente proprio bella. Ben fatta, intendo. La fabbricano in un’officina la cui ubicazione e` segreta a tutti, per conto di una holding che comprende marchi importanti di vestiario pret a porter, accessori per palestre, telefonia e automobili full optional. La fanno in due generi distinti, detti maschile e femminile, ben caratterizzati a seconda della destinazione d’uso: … Continua a leggere

IL SUONO DEGLI OPPOSTI

Non trovo troppo sorprendente il fatto che alcuni dei piu` monumentali capolavori musicali del Tardo Classicismo siano opera di un uomo quasi totalmente sordo. Chissa` se, inconsciamente, Ludwig Van Beethoven non avesse in qualche modo desiderato una condizione di estraneamento tale da accogliere i suoi problemi d’udito con una certa soddisfazione. Si sostiene che nel compositore, o perlomeno nel compositore … Continua a leggere

FRANZ LISZT – “EINE FAUST SYMPHONIE” S108

Il rischio ricorrente per un compositore la cui fama e` legata ad un particolare strumento, com’e` ovvio, e` sempre rappresentato dal non potersi emancipare al di fuori dei confini di genere. Pochi hanno speso tempo e risorse nell’analizzare – ma anche semplicemente nell’ascoltare – l’”Ali` Baba`” di Bottesini, le pagine scritte per chitarra da Paganini, le produzioni di Chopin rivolte … Continua a leggere

(MIS)ANTROPOLOGIA

Probabilmente Marcel Proust ha scritto la piu` bella opera letteraria che mi sia mai capitato di leggere: il suo lunghissimo romanzo di sette tomi mi ha letteralmente stregato per almeno cinque anni. Non lo nego: a lungo ho rivolto all’Autore molti dei miei pensieri prima di riuscire ad addormentarmi, per una strana associazione di idee che mi portava a ritenere … Continua a leggere

RIFLESSIONI DI UN ELETTORE LIBERO E DISORIENTATO

Non ho comperato alcun quotidiano, oggi. Un po’ per questa crisi che costringe a rinunce di varia natura, ma anche e soprattutto per evitare ai miei occhi la sofferenza di leggere barzellette che non fanno ridere. Pare che l’Onorevole Bersani si sia messo d’impegno, ieri a cercare di catturare l’attenzione di chi, come me, ha smesso di credere ad una … Continua a leggere

PORNOGRAFIA MUSICALE (PIANO BAR)

Per quanto riguarda la maggior parte dei casi, tutto quello che riesco a ricordare dei miei concerti e` la voglia di finire quanto prima e andarmene. Per un musicista, raggiungere un tale grado di insofferenza rappresenta la piu` grave forma di delusione nei confronti del proprio lavoro. Va detto che, amaro che sia, sono solo pochi privilegiati quei musicisti che … Continua a leggere

In ricordo di Mick Karn

Sto riascoltando un disco che, come tutte le opere di un certo spessore, all’epoca della sua pubblicazione, aveva diviso la critica in fazioni opposte: “Rain Tree Crow”, ultima reunion (parliamo del 1991) di quel gruppo che anni prima si era imposto nel panorama new wave con il nome “Japan”. La band guidata dal genio introverso di David Sylvian era stata … Continua a leggere

ARTE, SUONI E DANZA.

Quale ordine rende le possibili combinazioni degli elementi all’altezza di essere definite forme d’arte? Esiste qualcosa di radicato nell’uomo che lo porta ad asserire che alcuni fattori determinino per le forme quello che comunemente definiamo “valore artistico”? Perche` in musica, come nelle arti visive, il senso delle proporzioni, l’equilibrio delle voci, il garantirsi dei contrappesi dato dalle regole del contrappunto … Continua a leggere