SONETTO AL MATTINO

Mattino è l’angoscia che irrompe. Luce

che lacera il buio rifugio. Sguardi

e occhi fissi sulla viva vergogna.

Parole; respiri; rimpianti e rabbie.

Mattino è preludio a fatiche nuove

e ritorni sul sentiero del pianto.

E’ una lama gelida tra le carni

che di morte illuse si ridestano.

Le ore in attesa che il giorno si arrenda

e rimetta le anime stanche in pace

lentamente e a stento scivolano giù.

Tutti i relitti approdano alle rive:

lidi che dolcezza apparente segna

la breve volta di un cielo stellato.

SONETTO AL MATTINOultima modifica: 2011-05-23T21:41:23+02:00da bass-cocteau
Reposta per primo quest’articolo