LE STORIE DI “MARINAI, PIRATI E BALENE” DI VINICIO CAPOSSELA

Ammetto di essere un nostalgico del Capossela della prima ora: avevo amato troppo quei primi tre lavori (“All’una e trentacinque circa”, “Camera a Sud” e “Modi`”), tanto vicini al Paolo Conte che per lo stesso Cantautore era un riverito maestro. La prima svolta, quella della coppia “Il ballo di San Vito” e “Canzoni a manovella”, ancora mi era parsa gradevole, … Continua a leggere